Comunicazione del rischio ed emergenza: articoli, linee guida, approfondimenti

comunicazione-del-rischio-coronavirus

La comunicazione del rischio è “quella cosa” che se non sei preparato, quando devi affrontare una situazione di emergenza è decisamente troppo tardi. Lo dimostra il modo in cui è stata gestita l’emergenza Coronavirus in Italia dal punto di vista dell’informazione.

Qui ho raccolto alcuni articoli, analisi e linee guida per una corretta comunicazione per capirne di più, sapere cosa fare e soprattutto non fare, per avere riferimenti e strumenti che possano essere utili anche a te. Sì, anche a te che sei una Guida, meglio ancora se lavori in un Museo, o Centro Visite, per un’istituzione culturale o scientifica, se ti occupi di promozione del territorio. Perché  – sperando non accada mai – affrontare emergenze e gestire controversie può essere necessario anche in ambito turistico.

Clicca sul titolo e vai all’articolo originale:

Risk communication and community engagement (RCCE) readiness and response to the 2019 novel coronavirus (2019-nCoV)

WHO checklists for risk communication and community engagement
World Health Organization, 26 Gennaio 2020

Quali sono gli errori da evitare quando si comunica lo stato di emergenza a un paese

Per evitare il panico da Covid-19, e per non scivolare in false rassicurazioni, serve una guida credibile, che offra ai cittadini messaggi coerenti e capaci di infondere coraggio. Alcune regole che governo e istituzioni dovrebbero tenere presente
Giancarlo Sturloni, Wired, 27 Marzo 2020

Coronavirus e comunicazione di crisi: gli errori compiuti e le azioni da intraprendere

Comunicazione centralizzata, razionale e coordinata, creazione di una piattaforma digitale dedicata, controllo delle fake news le azioni da intraprendere
Manager Italia, 15 Marzo 2020

Perché (soprattutto in emergenza) una bozza non è una notizia

Alberto Puliafito, Slow News, 8 Marzo 2020

Il mondo dopo Coronavirus

Ecco, nel 2020 credo sia un problema che non può continuare ad esistere: nelle emergenze deve esserci una comunicazione univoca, autorevole, utile e immediata.
Gianluigi Tiddia. Insopportabile, 7 Marzo 2020

Corona Virus: gli effetti di una comunicazione incoerente

Gli effetti del Corona Virus nel mondo e nel nostro paese sono sotto gli occhi di tutti e la sua diffusione non accenna a diminuire. Da professionista della comunicazione quello che mi ha colpito è stata la gestione dilettantesca della stessa da parte del governo, l’approccio dei mass media e le ricadute sulle conversazioni in rete.
Vincenzo Cosenza, 4 Marzo 2020

Singapore, informazione diffusa, esperienza e responsabilità per fermare il Coronavirus

La comunicazione è stata improntata a trasparenza e massima diffusione delle notizie, chiarezza delle indicazioni date alla popolazione sui comportamenti da tenere, rapidità nell’operare delle scelte, coinvolgimento attivo delle persone per assicurare il contenimento del contagio e la tracciabilità della sua diffusione. Le misure prese, per quanto rigorose, accompagnate dalle informazioni necessarie hanno evitato sensazioni di insicurezza e di sbandamento
Treccani, 3 Marzo 2020

Coronavirus, una parola infetta

di Vera Gheno, Treccani.it, 2 Marzo 2020

Appesi all’ultima notizia

È venuto il momento, credo, di raccontare in dettaglio che cos’è e come funziona una strategia cognitiva che ci coinvolge tutti. E con la quale tutti, in tempi recenti, abbiamo fatto i conti. Riguarda la disponibilità di informazioni, e l’uso che ne facciamo.
Annamaria Testa, Internazionale, 2 Marzo 2020

Paranoia e virus

Luigi Zoja, Doppiozero, 1 Marzo 2020

Coronavirus e corse all’accaparramento: è giusto parlare di panico e isteria?

Davvero le persone impazziscono molto facilmente in situazioni di emergenza? Capire come funzionano davvero i gruppi ci può aiutare ad affrontare meglio il nuovo coronavirus
Stefano Dalla Casa, Wired, 29 febbraio

Non abbiamo proprio bisogno di scienziati che si accapigliano sul coronavirus

I litigi tra gli esperti alimentano l’incertezza, ma il problema non sono i virologi in tv, bensì le carenze delle istituzioni nella comunicazione dell’emergenza.
Giancarlo Sturloni, Wired, 27 Febbraio 2020

Coronavirus, le mascherine in parlamento sono un indice dell’immaturità dei nostri politici

Che senso ha presentarsi con quelle protezioni, per giunta del tipo inutile, in aula? Nessuno, a parte continuare a diffondere ansie e fobie quando il paese ha bisogno di abbassare i toni.
Simone Cosimi, Wired, 26 Febbraio 2020

Giornalisti e coronavirus: come informare in modo responsabile

In una situazione delicata come quella attuale, i giornalisti dovrebbero seguire alcune semplici raccomandazioni per fornire informazioni corrette, attingendo a diverse fonti d’informazione e distinguendo tra fatti accertati, valutazioni qualificate di esperti e speculazioni. Senza farsi condizionare dal ritmo incalzante delle “ultime notizie”.
Bill Hanage e Marc Lipsitch/Scientific American, Le Scienze 24 Febbraio 2020

Covid-19 fra precauzione, comunicazione e diritti

Dire alla gente “non fatevi prendere dal panico” è perfettamente inutile. In questo articolo, Luca Carra spiega perché – e come questa epidemia potrebbe aiutare le democrazie.
Luca Carra, Scienzainrete, 24 Febbraio 2020

La paura ai tempi del Coronavirus

Riprendere la teoria della comunicazione del rischio per spiegare il crescere della paura per le malattie. Quelle infettive, però. Come spiegano Fabrizio Bianchi e Liliana Cori in questo articolo, infatti, “la combinazione tra modalità di trasmissione, meccanismo di generazione di malattia, gestione del rischio e paura intrinseca travalicano l’entità dell’impatto sulla salute”.
Fabrizio Bianchi, Liliana Cori, Scienzainrete, 24 Febbraio 2020

How our use of face masks affects language, communication and empathy

The debate on the efficacy of surgical masks in the prevention of Covid-19 has ignored the underlying reasons why Hongkongers and Asian communities feel the need to cover up in the face of the deadly virus and how they impede oral communication.
John Patkin, HKFP, 22 Febbraio 2020

Coronavirus, il diritto a essere informati (e preoccupati quanto basta)

In assenza di vaccini e antivirali, la comunicazione del rischio resta lo strumento più efficace per gestire l’incertezza e arginare il contagio, ma non tutto è filato liscio.
Giancarlo Sturloni, Wired, 4 Febbraio 2020

Come i media italiani hanno trasformato il coronavirus in un virality show

In Italia si sono registrati i primi due casi di persone infette. Tra video esclusivi dei malati, titoloni allarmistici e dirette 24 ore su 24, i media hanno dato vita a una spettacolarizzazione del terrore.
Luigi Mastrodonato, Wired, 31 Gennaio 2020

Da leggere per saperne di più

Come si comunica il rischio?

“La comunicazione del rischio per la salute e per l’ambiente” di Giancarlo Sturloni è un manuale per chi ogni giorno deve raccontare i rischi al pubblico, ma anche per capire la storia di questa disciplina. Da Seveso e Chernobyl fino ai vaccini e ai cambiamenti climatici.
Eleonora Degano, OggiScienza, 29 Aprile 2019

Il rischio della comunicazione del rischio

Un libro di Giancarlo Sturloni
Anna Romano, Scienzainrete, 3 Settembre 2018

Per una rassegna stampa sul turismo e gli effetti del coronavirus vai a questa pagina del blog, clicca qui

Vuoi raccontarmi o chiedermi qualcosa? Scrivimi!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.